Usciti gli atti del convegno Carissimi del 2005

L’opera musicale di Giacomo Carissimi. Fonti, catalogazzione, attribuzione. Atti del convegno internazionale di studi Roma, 18-19 novembre 2005, a cura di Daniele Tortelli, Roma: Academia Nazionale di Santa Cecilia  2014 = L’Arte Armonica. Collana di facsimile e testi musicali 14, Serie III, Studi e testi

Sono usciti nel marzo dell’anno scorso gli atti del convegno su Carissimi svoltosi nel lontano 2005 presso l’Accademia di Santa Cecilia per celebrare il famoso compositore nel quattrocentesimo anniversario della sua nascita. “L’opera musicale di Giacomo Carissimi. Fonti, catalogazione, attribuzione”, a cura di Daniele Tiorelli, è il quattordicesimo volume della seria III, Studi e testi, della collana “L’arte armonica” dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ed è dedicato alla memoria di Lino Bianchi. Alla sua realizzazione sulla base di finanziamento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali hanno contribuito oltre al già nominato curatore Silvana Amato per la parte grafica, Raffaella Barbetti e Roberto Grisley per l’impaginazione e la revisione degli esempi musicali, e Laura Bognetti, che merita essere espressamente menzionata per il suo accuratissimo lavoro di redazione.
Le 364 pagine Carissimi1 Kopiedel volume presentano 17 sostanziosi contributi di cui 3 di autori stranieri: Beverly Stein, Associate Professor del California State University di Los Angeles che si occupa di problemi di attribuzione e di stile delle cantate di Carissimi, più concretamente della possibilità di determinare autenticità attraverso stilemi ricorrenti come nel caso di Carissimi il “frequent and distinctive use of sequence” (p. 57), Andrew V. Jones, con la sua tesi Phd “The Motets of Carissimi” del 1984, autore sicuramente di una pietra miliare della ricerca su Carissimi, che qui ci fa conoscere un manoscritto di mottetti conservato a Perham House in West Sussex, manoscritto non molto lontano da altri già noti e appartenente al contesto della cattedrale e degli amanti di musica a Oxford di fine Seicento inizio Settecento, e finalmente Juliane Riepe di Halle che sulla base di ricerche archivistiche dell’Oratorio del SS. Crocifisso a Roma e seguendo le tracce di Howard E. Smither problematizza e relativizza l’immagine di Carissimi come figura centrale nella storia dell’oratorio o almeno di quello latino e di tradizione romano.
Già da questi pochi riferimenti risulta come uno dei fili rossi del nostro volume la ricezione del Carissimo, ricezione fra mistificazione e realtà storica e tanto più contraddittoria quanto oggi oggetto di una ricerca filologicamente sempre più approfondita e sempre più decisa nel recupero di dati di fatto. Nello stesso tempo il nostro volume rende chiaro come ricezione e filologia nel caso di Carissimi formano due lati delle stessa medaglia, questo dovuto al fatto che gran parte delle opere del maestro del Collegio romano si diffondeva e si è conservata fino ad oggi in forma di elaborazioni.
I due saggi che si trovano all’inizio del nostro volume, quello di Daniele Torelli e quello di Claudio Bacciagaluppi, tematizzano in modo molto concreto questo fenomeno inerente alla ricerca su Carissimi, questo connesso indissolubile di fortuna delle opere di Carissimi e la loro ricostruzione filologia. È tema del saggio di Claudio Bacciagaluppi la ricezione carissimiana nei paesi del Nord d’Europa ossia Carissimi fra classicismo conservatore e assimilazione a delle prassi esecutive nei paesi di lingua tedesca. Sono due composizioni che formano i primari punti di riferimento di Bacciagaluppi: il mottetto “Sustinuimus pacem” del maestro di cappella alla chiesa cittadina di Danzica, Balthasar Erben, mottetto, conservato nella biblioteca dell’Università di Upsala, che si rivela rielaborazione “per circa due terzi identica a un mottetto omonimo ascritto a Carissimi”, aumentato nel suo organico originale (cinque voci e b.c.) di tre violini e una viola, e il mottetto “Doleo, et poenitet me” a quattro voci (due canti, tenore e basso), sempre a Upsala, anch’esso arricchito, in questo caso da un autore ignoto, di un notevole e molto caratteristico organico strumentale (tre viole da gamba e basso continuo). Sono esemplari questi pezzi per la pratica molto diffusa nei paesi nordici di adattare pezzi vocali di compositori italiani. Nel caso di Carissimi essa toccava un compositore romano che, con le parole del nostro autore, “non avrebbe mai composto nulla con più di due parti strumentali indipendenti sopra la linea del basso” (p. 53).
Aggiunte strumentali come problema editoriale tratta Daniele Torelli e pone la domanda se e in quale forma e misura l’edizione critica di mottetti di Carissimi dovrebbe evidenziare la problematica di parti strumentali, non solo nei casi individuali come i due violini ad libitum interpolati da Sébastien de Brossard nel caligrafata apografo parigino del 1691 di Vidi impium super exaltatum ma in casi più che complessi di duplice tradizione testuale, di una con e di una senza strumenti.
Come il problema dell’attribuzione “può essere oggi affrontato in maniera critica e non solo quantitativa, basandosi sulla storia della tradizione” chiarisce Alessio Ruffatti per la cantata “Dite cieli se crudeli” di cui è autore Luigi Rossi in tutti i testimoni conservati attualmente in Francia e in tre fonti di provenienza italiana mentre “l’attribuzione a Carissimi si deve […] ad una fase settecentesca della ricezione inglese” (p. 101).
Non è l’unico quello appena citato di Alessio Ruffati tra i saggi presenti nel nostro volume che testimoniano dei ragionamenti utilissimi e dei progressi dell’attuale ricerca carissimiana verso il consolidamento delle conoscenze archivistiche. Riorganizzazione e aggiornamento continuo dell’Archivio Manusardi, eredità, come sappiamo, di un appassionato del compositore di Marino ma ancora oggi base e riferimento indispensabile delle ricerche su Carissimi, è il tema del contributo di Cosetta Farina. Farina ci da un’idea molto precisa del prezioso archivio milanese da lei diretta e attento testimone del patrimonio carissimiano tramandato nelle biblioteche in tutto il mondo con il primato di quelle inglesi per le fonti manoscritte nel genere sacro mentre le biblioteche italiane possono vantarsi dei più ricchi giacimenti di musica profana del Carissimi.
Il binomio Carissimi-Manusardi rimarrà indissolubile anche in futuro, ne possiamo essere sicuri, e la figura di Gian Marco Manusardi come risulta dalle testimonianze del figlio Giorgio nel penultimo saggio del volume mi sembra paradigmatica per la musicologia italiana la quale come nessun altra si basa e si nutre ancora oggi di singoli appassionati della la musica e/o per della storia dei luoghi della loro propria appartenenza. Altro nome che si deve fare in questo contesto e soprattutto quando si parla del luogo da dove è nato Carissimi e quello di Ugo Onorati. “Giacomo Carissimi: Marino, Roma e dintorni” è intitolato il contributo di Onorati al nostro volume, contributo che può essere letto come una specie di biografia dell’”autentico genio musicale europeo” basata su testimonianze locali e arricchita, non da ultimo, di una genealogia della famiglia del compositore sulla base dei registri parrocchiali dell’Archivio capitolare di San Barnaba a Marino.
In stretto rapporto con il luogo di nascita del compositore anzi con la sunnominata chiesa stanno anche le cantate di Carissimi presentate nel nostro volume da Teresa M. Gialdroni. Si tratta, come evidenzia l’autrice con minuziose tabelle di concordanze, delle cantate carissimiane a loro tempo le più famose e diffuse, tramandate in questo caso in sei volumi di carta d’ariette oggi conservati nella Biblioteca statale della Badia di san Nilo a Grottaferrata e compilati tutti e sei a loro tempo ad usum di un canonico di San Barnaba a Marino di nome Agostino Dante.
La stessa autrice poi si associa al suo insegnante accademico Agostino Ziino e ad Enzo Mecacci, esimio esperta della Siena rinascimentale e delle biblioteche e archivi che la tramandano, per un lavoro a tre su frammenti di cantate, ritrovati come materiale di rilegatura di un registro giuridico senese degli anni venti del Settecento, fra loro la copia della cantata a 2, già esistente in tre altre copie e di sicura attribuzione a Carissimi, “Alma che fai?”
Utilissimo poi e ricco di riferimenti bibliografici il saggio di Marco Gozzi che fa apparire Carissimi sullo sfondo della sua epoca, epoca sorprendentemente affine, direi, al canto plano, al suo recupero, alla sua restaurazione, purificazione, e alla sua portata a stampa. Dico utilissimo perché il lavoro di Gozzi rende molto chiara l’importanza del canto fermo come sostanza primaria della composizione liturgica cinque seicentesca e praticata da Carissimi, nel Collegio Germanico, in due forme distinte come “canto fermo prevalentemente a note uguali e melodicamente affine alla tradizione, ma certamente con forti implicazioni mensuralistiche e canto fratto [cioè ritmato] per alcune espressioni come i Credo, qualche inno, le passioni e i recitativi salmodici” (p. 238).
Altro importante saggio del nostro volume per concretizzare la panoramica della musica sacra nei tempi di Carissimi è sicuramente quello di Flavio Colusso sulla Missa l’homme armé che ci offre un’affascinante lettura della sunnominata messa sull’antico tenor e oscillante tra affettuosità moderna e stile antico come espressione decisiva nel segno della battaglia spirituale della controriforma.


Das könnte Dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.